Laboratorio ecotransfemminista multispecie “siamo tutt∂ animale ognun∂ con la sua diversità”

Il laboratorio si svolgerà nella pausa pranzo del sabato e invitiamo tutte le persone che partecipano a venire con una colazione al sacco in modo che il laboratorio si possa svolgere …. “camminare e mangiare domandando” 
Il laboratorio continua il percorso iniziato a luglio, nella Giornata aperta della campeggia ad Agripunk: https://retecorpieterranud.wixsite.com/seminaria/post/camminare-domandando-dalla-campeggia-a-la-zad e poi nel Laboratorio organizzato a La ZAD (zone à défendre) di notre dame de Landes, Nantes, Francia nel corso del festival https://retecorpieterranud.wixsite.com/seminaria/post/laboratorio-ecotrasnfemminista-multispecie
“Arriviamo qui con alcune parole: giustizia  ecosistemica, giustizia multispecie, giustizia riproduttiva,  intersezionalità, transfemminismo, decolonialità e liberazione a cui vorremmo aggiungere quelle che incontreremo qui ….
Il  nostro più che un dire vuol essere un domandare a partire da alcune affermazioni in cui ci riconosciamo e che sono sempre e comunque situate in un pensiero ecotransfemminista multispecie di persone che vivono attualmente in Europa.
La  violenza strutturale del sistema si radica nella cultura ciseteropatriarcale e impone la sua riproduzione attraverso le norme binarie e le gerarchie di razza abilismo, genere e specie. Il  patriarcato è il sistema di oppressione politico, economico, culturale e  religioso che conferisce privilegi agli uomini “cisetero” sugli altri corpi ed ecosistemi. Capitalismo e colonialismo ne condividono la matrice oppressiva che si ripete nei territori e nel tempo. 

Privilegi e gerarchie producono sessismo, razzismo, specismo, colonialismo, sfruttamento, repressione e  discriminazioni nei confronti delle donne e di tutte le persone che si sottraggono alle norme di genere (trans, travesti, persone non binarie, intersex e +), di orientamento sessuale (lesbiche, pansessualə, asessualə, poliamorosə, gay, e +), l’animalizzazione delle persone soprattutto non bianche e lo sfruttamento e stermini di massa delle altre specie.
E’ necessario partire da sé, dalla consapevolezza dei privilegi e dalle scale di oppressione per costruire quell’intersezionalità necessaria ad una lotta ad un capitalismo sistemico che non può più essere settorializzata o periodizzata.  È necessario nella pratica attraversare con questo sguardo intersezionale e le nostre pratiche contaminanti i movimenti ecologisti che si stanno con forza imponendo e una necessaria urgente e improrogabile vera transizione. 

La  prospettiva è la liberazione per tuttu che si lega fortemente a  pratiche di resistenza, ma anche alla costruzione di alternative. Il  nostro esserci con i corpi, le nostre relazioni, il nostro parlare e soprattutto il nostro ascoltare, l’apprendere dalle altre pratiche di  lotta e di resistenza, il contaminarci è fondamentale. 

Lo spazio politico va liberato per dare voce, forza ed espressione politica a tutte le diversità. Non c’è liberazione per nessun∂ se non ci  liberiamo tuttə.”
Lo faremo in piccoli gruppi con una traccia di domande e in modo interattivo! Vi aspettiamo!! 
Queste le tracce delle domande:

  • Come rompere con le pratiche di animalizzazione che riguardano animali umani e non? Perchè la violenza agita da animali umani su animali non umani non viene riconosciuta e percepita come tale? Perché nel momento in cui vogliamo indagare il privilegio di specie i movimenti, anche più antagonisti, si bloccano?
  • Come  costruire pratiche di lotta per la giustizia ecosistemicaa livello  G-Locale a partire del valore della diversità dei nostri corpi e territori? C’è una colonialitá intrinseca nel femminismo occidentale? Cosa pensiamo renda scomoda la frequentazione di persone razializzate e/o trans nel nostro movimento? come facilitarla? 
  • Cosa intendiamo per giustizia riproduttiva? Come questa si vive in corpi umani e non? Il riconoscere solo alle “donne” il ruolo di madri/non madri nelle nostre lotte non significa escludere e invisibilizzare il fatto che uomini, persone non binarie e intersex abbiano potenzialità gestanti e rimarcare un concetto patriarcale? Perchè si escludono e si invisibilizzano i corpi gestanti delle altre specie? 
  • Quando  parliamo di lavoro sessuale ci ritroviamo spesso ad affrontare sempre la stessa domanda: ” Può essere una libera scelta?Perchè questa domanda emerge continuamente e solo in relazione al lavoro sessuale o alla sfera etero-riproduttiva? 
  • Come possiamo costruire un movimento in cui coesistano molti mondi (“en el que quepan muchos mundos” ?) e quindi come praticare un movimento in cui ci sia spazio perl’agire politico e pratico dei pensieri e delle elaborazioni ecotransfemministe e multispecie? 

Qui tutte le info sull’assemblea nazionale a Bologna del 9-10 ottobre 2021

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...