Perché la libertà di movimento è una nostra lotta! Perché diciamo NO al decreto sicurezza Salvini

Il numero delle donne richiedenti asilo in Italia è quadruplicato dal 2014 al 2017.

Riaffermando la propria libertà, le donne scappano da sfruttamento sessuale e lavorativo, violenza domestica, violenza sessuale e patriarcale, violenza economica.

Eliminando la protezione umanitaria, il decreto sicurezza di Salvini elimina una possibilità di sottrazione alla violenza e rende più insicure le donne.

Il Centro per rimpatri di Roma-Ponte Galeria è uno dei più grandi d’Italia ed è oggi una prigione per migranti riservata a sole donne.

Il decreto sicurezza di Salvini allunga da 3 a 6 mesi il periodo di trattenimento per chi perde o non riesce a ottenere un permesso di soggiorno.

Per finire in un centro per rimpatri è sufficiente aver avuto un’espulsione perché il datore di lavoro ti ha licenziata e non hai più potuto rinnovare il permesso di soggiorno.

Dopo che un mercato del lavoro sessista e razzista sfrutta le donne, il decreto sicurezza le imprigiona per rimpatriarle.

In Italia gli ingressi legali per le lavoratrici e i lavoratori migranti sono di fatto bloccati dal 2011.

Dal 2011 a oggi è cresciuto esponenzialmente il numero di richiedenti asilo, titolari di protezione internazionale e umanitaria utilizzati come manodopera a basso costo.

L’eliminazione della protezione umanitaria costringe alla clandestinità queste donne e questi uomini e li priva di uno strumento per rivendicare i propri diritti.

Il decreto Salvini favorisce lo sfruttamento lavorativo delle migranti e dei migranti, e quindi di tutti i lavoratori.

Il blocco delle frontiere ha aumentato il rischio di cadere nelle mani dei trafficanti.

Sono decine di migliaia le donne trafficate attraverso il deserto e il Mediterraneo o che hanno subito violenza durante il viaggio.

Moltissime di queste donne si sono viste riconoscere solo la protezione umanitaria, anche quando avrebbero avuto diritto allo status di rifugiate o alla protezione sussidiaria.

L’eliminazione della protezione umanitaria del decreto sicurezza Salvini rende più difficile rinnovare il permesso di soggiorno e aumenta il rischio che le donne vengano sfruttate.

L’Italia è uno dei paesi dove è più difficile ottenere la cittadinanza.

Oltre ai tempi necessari a inoltrare la domanda di naturalizzazione (10 anni per residenza, 2 anni per matrimonio), i tempi burocratici della procedura superano in molti casi i 4 o 5 anni.

Il decreto sicurezza elimina la regola del silenzio assenso nella procedura di acquisizione della cittadinanza per matrimonio.

Il decreto sicurezza introduce la possibilità di revoca della cittadinanza per chi l’ha ottenuta per naturalizzazione e per matrimonio.

Il decreto sicurezza restringe le possibilità per le donne e gli uomini migranti di accedere ai diritti di cittadinanza rendendo tutti i cittadini più insicuri.

Il decreto sicurezza toglie la possibilità di iscrizione anagrafica per i richiedenti asilo impedendo così l’accesso a molti servizi sociali.

Il decreto sicurezza elimina il sistema Sprar di accoglienza diffusa.

In questo modo il sistema di ricezione dei migranti si istituzionalizza come sistema di contenimento emergenziale, riproducendo i ghetti e le forme di costrizione della libertà.

Restringere i servizi di accoglienza per i richiedenti asilo colpisce in primo luogo le donne.

Le donne che attraversano i confini combattono in prima linea contro la violenza sistemica e patriarcale, contro lo spossessamento e lo sfruttamento, sia nei paesi di origine che in quelli di transito e di arrivo.

Il 24 novembre saremo al loro fianco dicendo No al decreto sicurezza di Salvini.

Stampa l’opuscolo

**

English Version

Why freedom of movement is our struggle! Why we say No to the Salvini Security Decree

The number of women asylum seekers quadrupled between 2014 and 2017.

Women assert their freedom by fleeing from sexual and work exploitation, domestic violence, sexual and patriarchal violence, and economic violence.

By eliminating humanitarian protection, the Salvini Security Decree eliminates a means to escape violence and makes women’s lives more insecure.

Rome-Ponte Galeria is one of the largest deportation centres in Italy and today is a migrants’ prison exclusively for women.

The Salvini Security Decree lengthens the period of detention from 3 to 6 months for anyone who loses or is unable to obtain a resident permit.

You can end up in a deportation centre with an expulsion order simply because your employer has fired you from work and you haven’t been able to renew your resident permit.

After being exploited by a sexist and racist labour market, the Security Decree imprisons women for deportation.

Legal means of entry for migrant workers have essentially been blocked since 2011.

Since 2011 there has been a rapid increase in the number of asylum seekers and international and humanitarian protection holders employed as cheap labour.

The elimination of humanitarian protection forces these women and men into illegality and deprives them of an instrument for claiming their rights.

The Salvini Decree favours the labour exploitation of migrant women and men, and therefore of all workers.

The closure of borders has increased the risk of falling into the hands of traffickers.

Tens of thousands of women have been trafficked across the desert and the Mediterranean and have been subject to violence during their journeys.

Most of these women have only been accorded human protection, even when they were entitled to refugee status or subsidiary protection.

The elimination of humanitarian protection in the Salvini Security Decree makes it more difficult for these women to renew their resident permit and increases their risk of being exploited.

Italy is one of the countries where it is most difficult to acquire citizenship.

Besides the length of time required for presenting an application for naturalization (10 years through residency, 2 years through marriage), the bureaucratic side of the procedure in most cases takes more than 4 or 5 years.

The Security Decree lengthens the period for the acquisition of citizenship through marriage.

The Security Decree introduces the possibility of annulling citizenship for those people who have obtained it through naturalization or marriage.

The Security Decree restricts the possibilities for migrant women and men to access the rights of citizenship, thus rendering all citizens more insecure.

The Security Decree removes the possibility for asylum seekers to sign on to local registers and therefore prevents them from accessing many social services.

The Security Decree removes the SPRAR integrated reception system.

As a result, the reception system for migrants will become an emergency system of confinement, which will lead to ghettos and constraints on freedom.

Restricting reception services for asylum seekers affects first of all women.

The women who cross borders are on the front line in the fight against systemic and patriarchal violence, against dispossession and exploitation, both in the countries of origin, and those of transit and arrival.

On 24 November we will be by their side to say No to Salvini’s Security Decree.

Print

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...