#NonUnaDiMeno Freedom For Birth Rome Action Group alla Manifestazione nazionale contro la violenza sulle donne del 26 e 27 novembre a Roma

 

#NonUnaDiMeno
Freedom For Birth Rome Action Group alla Manifestazione nazionale contro la violenza sulle donne del 26 e 27 novembre a Roma
La violenza contro le donne è un fenomeno strutturale nella nostra società e in quanto tale si manifesta in tutti gli ambiti, incluso quello della salute riproduttiva e sessuale.
La violenza ostetrica, la negazione del diritto di autodeterminazione delle donne sul loro corpo e sulla loro salute, inclusa la negazione del diritto di scegliere se, quando, dove e come partorire, così come l’obiezione contro il diritto di abortire e di ricorrere alla contraccezione, sono forme di violenza di genere, che rafforzano una visione stereotipata della donna.
La donna è relegata alla funzione riproduttiva e a ruoli di cura e accudimento, anche in funzione suppletiva di uno stato sociale sempre più assente. La sua scelta di non diventare madre è socialmente condannata, così come la sua scelta di esserlo è medicalmente dominata: sei una vera donna solo se scegli di diventare madre, sei una vera madre solo se accetti il sacrificio di te, pronta a immolare diritti e bisogni fisici, emotivi, sociali e professionali.
Questa forma di violenza ha origine nel paternalismo medico, che si arroga il potere di sostituirsi alla donna nei processi decisionali che riguardano la sua salute riproduttiva, e più in generale nella cultura patriarcale che fa del controllo della donna, del suo corpo, della sua salute, delle sue scelte di vita, il principale strumento per esercitare e accrescere il proprio potere e dominio (ne abbiamo parlato qui).
Per questi motivi, la violenza ostetrica deve essere contrastata attraverso azioni che promuovano un processo di cambiamento che interessi non solo gli ospedali, i luoghi della salute e gli operatori sanitari, ma anche le scuole, la società, i mezzi di comunicazione, per decostruire la rappresentazione sociale stereotipata della donna e della maternità.
La rete cittadina IoDecido, della quale Freedom For Birth – Rome Action Group fa parte sin dalla sua costituzione, fa dell’intersezione delle lotte uno dei cardini della propria visione politica e delle proprie pratiche di rivendicazione. La lotta contro la violenza ostetrica si inserisce quindi a pieno titolo nel percorso nazionale di contrasto alla violenza sulle donne, un percorso che si sta costruendo da mesi attraverso assemblee pubbliche in tutta Italia e che porterà ad una grande manifestazione nazionale a Roma il 26 novembre e a otto tavoli tematici il 27 novembre, tra i quali uno sarà su: “diritto alla salute, libertà di scelta, autodeterminazione in ambito sessuale e riproduttivo (qui l’elenco degli otto tavoli tematici).
Noi di Freedom For Birth Rome Action Group siamo convinte che nella costruzione di questo percorso sia importante la partecipazione di chi, a vario titolo, si occupa di salute e diritti delle donne: è un’occasione per includere le rivendicazioni sull’autodeterminazione e sulla salute delle donne tra i temi portati in piazza e trattati nei tavoli tematici.
Invitiamo tutte le associazioni, i gruppi e le singole persone ad aderire e attivare iniziative nei propri territori per promuovere la partecipazione al corteo e ai tavoli e, ovviamente, a condividere e divulgare questo appello e quello di lancio di NonUnaDiMeno.
La manifestazione del 26 novembre a Roma comincia alle ore 14, partenza Piazza della Repubblica e arrivo a Piazza San Giovanni. Per aderire scrivi qui.
I tavoli tematici e l’assemblea nazionale del 27 si terranno dalle ore 10 nella scuola elementare Federico Di Donato (via Nino Bixio 83).
Per partecipare ai tavoli è necessario confermare la propria presenza tassativamente entro il 19 novembre compilando questo form, nel quale sarà anche possibile segnalare eventuali esigenze di ospitalità.
Visita la pagina Facebook NonUnaDiMeno https://www.facebook.com/nonunadimeno/ e condividine i contenuti.
Qui trovi una mappa e un calendario delle iniziative, che si stanno moltiplicando in tutta Italia, dove potrai inserire la tua, seguendo semplici istruzioni.
Sul blog della manifestazione trovi i report delle assemblee fatte fino ad oggi, i documenti e gli appelli condivisi, le informazioni logistiche ed i materiali di comunicazione da diffondere.
Per chiederci informazioni o segnalarci iniziative o fare proposte sul tema della violenza ostetrica e dell’autodeterminazione, scrivi a freedomforbirth.rag@gmail.com.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...